Allarme Coronavirus – Ordinanza emessa dal Ministero della Salute e Regione Lombardia

Allarme Coronavirus – Ordinanza emessa dal Ministero della Salute e Regione Lombardia

In sintesi le decisioni inserite nell’ordinanza di Regione Lombardia quali azioni preventive.

  1. sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico; 
  2. chiusura di tutte le scuole di ognIni ordine e grado; 
  3. sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura; 
  4. sospensione di ogni viaggio d’istruzione, sia sul territorio nazionale sia estero; 
  5. previsione dell’obbligo da parte degli individui che hanno fatto ingresso in Italia da zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione mondiale della sanità, di comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio, che provvede a comunicarlo all’autorità sanitaria competente per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva;
  6. Bar, teatri e locali notturni dovranno rimanere chiusi dalle ore 18.00 alle ore 6.00;
  7. Ristoranti potranno rimanere aperti;
  8. attività commerciali potranno rimanere aperte;
  9. Uffici pubblici rimarranno aperti secondo normali orari;
  10. Biblioteche chiuse al pubblico
  11. Attività lavorative sul territorio comunale regolarmente attive;
  12. Funerali si dovranno tenere in forma privata;
  13. Sospensione delle cerimonie religiose (messe, attività pastorali, ecc);
  14. Mercati settimanali sospesi;
  15. Trasporti pubblici funzioneranno regolarmente.

L’ordinanza di Regione Lombardia è valida, per il momento, fino al 1.03.2020 con eventuali integrazioni ed aggiornamenti poiché la situazione è in continuazione evoluzione.

Clicca qui sotto per leggere il testo dell’Ordinanza:

Allarme Coronavirus – Ordinanza Ministero della Salute e Regione Lombardia

No Comments

Post A Comment